Faccio un tuffo e torno

Dalla home di Repubblica.it, 5 minuti fa:

Strel - Repubblica

Sì, proprio io che al massimo guado BitTorrent (e che a metà corsa ci fumo anche una cicca).

A Repubblica.it invece stanno già ner ueb semantico: come vedete d’acqua si parla anche nella notizia appena sotto (sì, quella col link “LE FOTO” accanto a “20 morti”..)

Sulla via di Erodoto

“Il cinico non è adatto a fare il corrispondente. Ci vuole comprensione per la miseria umana, simpatia per la gente. Bisogna far parte della famiglia cui appartengono tutti i semplici del pianeta. Il calore umano è basilare per questo lavoro”

Lo legge Marino Sinibaldi nello speciale di Fahrenheit: le parole sono di Ryszard Kaspuscinski.
Vediamo di non dimenticarlo troppo in fretta.

Le diable, il buon gon/io e Totò

La più grande beffa che il diavolo abbia mai fatto è convincere il mondo che lui non esiste – tremino i cieli e s’abbassino i calzettoni: gon/io* è di nuovo in città.
(s’appalesò ier sera in quel di Herr Effe, sul Wagon BitLit)

* se non hai mai sentito parlare di gon/io, oh giovane lettore, chettelodicoaffare.

MacGuffin?

Trovo un cd-rom nella borsa di un mio portatile che non uso da un bel po’. Sopra al cd non c’è scritto niente, la custodia è bianca. C’è appena un frego di penna blu, più una macchia che altro.
Infilo il cd nel computer e controllo il contenuto: oltre a un “readme.php” che non si apre più, c’è solo un file .txt dove c’è scritto:

“Non serve a niente essere vivi, se bisogna lavorare”
(Andrè Breton, Nadja)

Un MacGuffin di 75 byte?

Elitismi minimi

Ieri er sor Wittgenstein ha proposto ar sor Fassino di lasciar perdere tutto e di affidare il partito a un nuovo gruppo dirigente di under 50 o 40 – una nuova classe politica che QP sintetizza cinicamente in tre, quattro comportamenti praticati dai giovani che frequentano le sezioni di partito.

Quel che segue è un episodio piccolo, non so nemmeno quanto c’entri, ma questo m’è venuto in mente.

Da ggiovane, avevo 24 anni, ho fatto il vice-sindaco del mio comune – un piccolo comune della Toscana di 4500 abitanti. Ero stato eletto nella lista dei “Progressisti” (PDS+PRC) e il 98% degli eletti era alla prima esperienza amministrativa: era il 1994. Due anni dopo Prodi e l’Ulivo vincevano le elezioni politiche e, alcuni mesi dopo, l’input (mica ho detto diktat, eh) che arrivò dall’alto fu di aprire tutte le giunte comunali, provinciali e regionali ai popolari che fossero eventualmente rimasti all’opposizione: si vota un documento comune, si cambiano un po’ di deleghe o d’assessori e tanti saluti a come hanno votato i cittadini. Io, insieme a altri tre consiglieri comunali (1 piddiessino e due rifondaroli, tutti più o meno ggiovani) in disaccordo con la suddetta manovra uscimmo dalla maggioranza, rimanendo però in consiglio comunale fino alla fine del mandato. Alle elezioni successive non mi sono ricandidato e ho lasciato perdere comune, partiti et similia.

La riproduzione del potere in Italia sono anni che avviene sempre più per via aristocratica: i termini sono di Gaetano Mosca e risalgono a parecchi anni fa, ma io son sempre qui che ci penso. E non agisco. E delego o mi dimetto. E poi m’incazzo. E questo forse è il male peggiore.

Dura lex, sed spam

Gentile signore/a [caselladiposta@mia]

sono l’avvocato J****** A**** proprietario dell’omonimo studio Legale, mi trovo costretto a riscriverle perchè continuano ad arrivarmi dal suo indirizzo email [caselladiposta@mia] messaggi dal contenuto pornografico.
La rimando a tal proposito a verificare l’ultimo arrivato, che riporto sotto a questo messaggio.
Non sono un esperto informatico, tuttavia il sistemista del nostro studio sostiene che questi invii da parte sua sono probabilmente non volontari e causati da un worm informatico. Dice inoltre che è possibile rimuovere questo worm con il programma scaricabile da questo sito [http://www.urldiunsito] Io non ho nè le competenze nè il tempo per verificare l’esattezza di questa teoria, purtroppo mi trovo cosuretto a DIFFIDARLA dal continuare questi invii offensivi alla mia posta di lavoro.
Se riceverò UN SOLO ALTRO MESSAGGIO di questo genere procederò per vie legali senza ulteriore avviso.

Sospenda questi invii o, se si tratta di un virus worm, ripulisca il suo computer al più presto perchè forse non sono l’unico che sta ricevendo questa Spazzatura da lei.

Le ricordo che i reparti di polizia informatica hanno i mezzi per rintracciare la vera identità del proprietario di un indirizzo email, per quanto registrato con dati inventati o internazionale. Per cui non creda di poter continuare a inondare la mia casella email con queste cose.

in attesa di un suo urgente riscontro,
saluti cordiali

Ufficio Legale
J***** A**** e soci
Corso *******, **
[una città dell’Emilia Romagna]

—– Original Message —–
From: [caselladiposta@mia] To: ‘J***** A****’
Sent: Decembre 2, 2006 10:59
Subject: ehehehe

apri lo zip allegato è un flasgame sessuale!

eseguilo e invialo a tutti!!

ci sentiamo
[caselladiposta@mia]

La mail sopra incollata (asteriscando e parentesiquadrando i dati sensibili per proteggere la mia privatezza e quella ehm.. dell’avvocato) è arrivata stanotte all’una e dieci circa.
Io stavo già dormendo: avevo rinunciato a scrivere un post che, partendo dai distruttori di Graham Greene, avrebbe citato il barbone di Arancia meccanica* per arrivare a vaneggiare di paura, amore e televisione in Donnie Darko. Tutto questo, dopo aver letto di quel che è successo a alcuni vecchi in Svizzera.

Continua a leggere…